Finale - Il MoloMurgiaInfissi VS Gialappa's Band
Al Molo non basta il coraggio. Carioca Infra Open alla Gialappa’s

Il tabellino di Gialappa’s Band-Il Molo Murgia Infissi 2-1

Gialappa’s Band: Antinori, Aiana, Uccheddu, Porceddu, Piras, Bernardini, Brignone, Borselli, Melis, Porceddu, Stuni, Cherchi. Il Molo Murgia Infissi: Bruschetti, Biavatti, Romby, Maccioni, Vargiu, Estrada, Rodriguez, Versace, Mamusa, Lecca, Inconi, Manca; all.: Pitzalis.

Arbitro: A.Bassu - Cocco.
Marcatori: 29’ Aiana (G), 36’ Brignone (G), 42’ Versace (I).

La cronaca

Sul campo numero uno di Monte Claro si gioca la Finale del Carioca Infra 2013-14: sul terreno di gioco vi sono Gialappa’S Band e Il Molo Murgia Infissi. La compagine padrona di casa in queste Finali è dovuta partire da lontano e ossia dai Quarti di Finale ma tutto questo si può annotare tra le virgolette, infatti questa squadra negli stessi Quarti ha battuto il GeoTest con il risultato di tre a zero a tavolino, ancora più netta l’affermazione nel penultimo atto disputato contro Consulenza impresa: un 7-0 che non lascia spazio a ulteriori commenti. Il Molo Murgia si presenta a questo appuntamento ben conscio che dovrà dare il 100% durante la gara, per i rossoneri in Semifinale vittoria contro Estuzziantes (i tempi regolamentari si erano conclusi con un sette a sette che ricorda un po’ più il tennis che il calcio). Tra le due squadre ovviamente vi è il precedente della regular season nella quale il team rossonero ha prevalso in classifica sul Molo Murgia Infissi con due punti di distacco, esattamente 27 a 25: precedenti sul campo tutt’e due a favore dei Gialappa’s Band col tre a zero del 14 Gennaio e il clamoroso sette a due del 17 Marzo. Il match nella prima frazione è vibrante in una cornice di pubblico a dir poco spettacolosa, sono infatti in molti i sostenitori della Gialappa’s Band guidati da un instancabile Salvatore Cao che insieme a un gruppo di amici intonerà canti e cori per tutti i 50’ di gioco. Al termine della prima frazione il punteggio è di 0 a 0: meglio i padroni di casa senza alcun dubbio ma i rossoneri non stanno a guardare e si affidano moltissimo alla genialità di Stefano Versace il quale è però pressato da almeno due atleti ed Estrada non sembra in grado (nella serata odierna) di poter fornire grossi spunti. Nel secondo tempo dopo appena quattro minuti i Gialappa’s passano in vantaggio: tiro cross di Aiana dal settore sinistro del campo e il portiere rossonero è battuto. Un fulmine a ciel sereno per la squadra di Biavatti e Pitzalis che aveva iniziato molto bene alla caccia del gol, tuttavia lo 0-1 subito non scoraggia i rossoneri che si mettono subito al lavoro alla ricerca del pareggio più volte negato da un super Antinori. Al 36’ il gol del raddoppio che pare chiudere i giochi è di Giacomo Brignone con una punizione da fuori sulla quale l’estremo avversario non può arrivare. Anche sotto di 2-0 Il Molo non si arrende e a 8’ dal termine riduce le distanze con Versace. Qualche buona occasione prima del fischio finale per i rossoneri ma non ci sarà niente da fare, ad alzare la coppa è la Gialappa’s.

I “top” della gara

Michele Antinori voto 7.5. Alcune parate impressionanti e sulle quali vien da chiedersi come mai questo portiere non abbia raggiunto livelli altissimi in FIGC. Un uomo partita. Superman.

Giacomo Brignone voto 7. La punizione del due a zero è uno spettacolo per chi vede e per i suoi compagni. Il portiere non vede la palla partire, può essere sufficiente questo. Dinamitico.

Stefano Versace voto 7. A prescindere dalla rete rocambolesca messa a segno, dà prova di essere l’uomo con maggiore tenacia tra i rossoneri. A tratti fa vedere qualche numero. Calcolo.

Marco Biavatti voto 6.5. Si propone spesso alla ricezione del pallone ma dalla sua non gioca il fatto che viene troppo spesso ignorato dai compagni di squadra. Aggressivo al pressing. Tigre.

Alberto Porceddu voto 6.5. Fa un grandissimo lavoro di copertura e sacrificio sulla corsia sinistra del campo. S’arrabbia quando gli vengono fischiati alcuni falli evidenti. Re della foresta.

Giuseppe Vargiu voto 6.5. Dispone di tanta corsa e durante la gara lo fa vedere sulla fascia di competenza, ossia la sinistra. Forse s’intestardisce troppo nel puntare l’avversario. Parentesi.

Giacomo Uccheddu